News
stampa

Tristezza, demone subdolo da combattere con la santità»

Nell'udienza del mercoledì Francesco ha continuato a parlare dei vizi

Parole chiave: udienza mercoledì (3)
Le parole del Papa

C'è tristezza e tristezza. Quella buona, che è rifiuto dei propri peccati, apre alla redenzione. Quella cattiva viene dal diavolo ed è un «demone subdolo», come «un verme del cuore che che erode e svuota chi l’ha ospitato». Va combattuto pensando alla risurrezione di Cristo, cioè con la santità. Così il Papa, oggi 7 febbraio, nell'udienza generale, continuando la catechesi sui vizi e le virtù. Il tema è appunto quello della tristezza, stato d'animo che, ha sottolineato Francesco, «si insinua nell’anima e che la prostra in uno stato di abbattimento». È questo genere di tristezza «che deve essere combattuto risolutamente e con tutta forza, perché essa viene dal Maligno».

La «tristezza amica», invece, «ci porta alla salvezza - ha spiegato il Pontefice - Pensiamo al figlio prodigo della parabola: quando tocca il fondo della sua degenerazione prova grande amarezza, e questa lo spinge a rientrare in sé stesso e a decidere di tornare a casa di suo padre. È una grazia gemere sui propri peccati, ricordarsi dello stato di grazia da cui siamo decaduti, piangere perché abbiamo perduto la purezza in cui Dio ci ha sognati».

continua https://www.avvenire.it/papa/pagine/udienza-papa-vizio-tristezza

Fonte: Avvenire
Le parole del Papa
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento