News
stampa

Linea.. di pensiero. Il ricordo di chi non c'è più

Abbiamo bisogno di attingere ad una profonda ricerca interiore, far parlare il cuore 

Parole chiave: linea (133)
Una riflessione sul tempo che viviamo

Il ricordo, il "fare memoria" ci permette di mantenere la relazione  con chi ci ha dato senso e significato e non è più tra noi. Ci sono persone che hanno lasciato questa vita terrena e sono più vicine e presenti anche di  chi ci sta accanto ogni giorno. Questo accade perché il bene donato reciprocamente ha alimentato e arricchito la nostra anima offrendo degli ancoraggi incancellabili. Ed ecco che quando pensiamo ad una persona che "è in noi" cogliamo  ancora un bene unico e particolare che ci commuove e la sentiamo accanto  come se fosse sempre presente.

Certo ci mancano il dialogo, la voce, la fisicità ma abbiamo il ricordo di quanto trascorso insieme e quel ricordo riporta in vita la memoria di quello che è stato un legame di senso, di affetti, di amicizia e di bene. Questo può provocare tristezza ma anche esprimere una gioia di ringraziamento per quanto ci è stato donato da quella relazione, unica e solo nostra. È importante meditare sulla vita che è nascita e morte, presenza e distacco, gioia immensa e imprevedibile sorpresa ed anche dolore pungente. La fede può essere strumento di conforto. Ma spesso é fatica e incertezza anche in chi si appella a  Dio.

Abbiamo bisogno di attingere ad una profonda ricerca interiore, far parlare il cuore e ad esso affidarci per comprendere l'intero mistero della vita, l'alfa e l'omega, l'inizio e la fine,  la luce e il buio. Ed ecco la potenza e il valore della letteratura, dell'arte, della poesia, della preghiera. Che tutti possiamo far germogliare. Non basta credere in Dio ma occorre continuamente alimentarci di Dio!

Scrivo questa linea ricordando Silvia che adesso vive "nuovi mattini" e condivido una poesia a lei dedicata da Giuseppe, una persona che da Silvia ha attinto quel bene che rimane per sempre.

"Per te sempre in fuga

Per te sempre in lotta

Per te sempre con l'animo in fiamme (..)

Per te che volevi sempre il massimo mettendo il mondo sottosopra

Per te che hai combattuto il nemico più grande

Indomita e caparbia fino alla fine

Per te che hai insegnato il coraggio di ricominciare sempre da capo

da una parte all'altra del mondo

Che hai profumato l'esistenza di piccole avventure

Con mille stupefacenti  colori

Per te che sei rimasta dentro per sempre".

Una riflessione sul tempo che viviamo
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento