Diocesi
stampa

La forza trascinante di Dio

XXXI domenica Tempo Ordinario

Parole chiave: commento al vangelo (160)
«..scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua»

Lc 19,1-10

In quel tempo, Gesù entrò nella città di Gèrico e la stava attraversando, quand’ecco un uomo, di nome Zacchèo, capo dei pubblicani e ricco, cercava di vedere chi era Gesù, ma non gli riusciva a causa della folla, perché era piccolo di statura. Allora corse avanti e, per riuscire a vederlo, salì su un sicomòro, perché doveva passare di là. Quando giunse sul luogo, Gesù alzò lo sguardo e gli disse: «Zacchèo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua». Scese in fretta e lo accolse pieno di gioia. Vedendo ciò, tutti mormoravano: «È entrato in casa di un peccatore!». Ma Zacchèo, alzatosi, disse al Signore: «Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto». Gesù gli rispose: «Oggi per questa casa è venuta la salvezza, perché anch’egli è figlio di Abramo. Il Figlio dell’uomo infatti è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto».

Un’altra pagina famosa del vangelo di Luca: la vicenda di Zaccheo. Piccolo di statura e, prima di incontrare Gesù, piccolo anche d’animo come tutti i pubblicani: sete di possesso, rivalsa sui nemici, ruberie senza sosta, nessun tipo di pietà per i più deboli. Una persona simile non sarebbe nemmeno degna di avvicinarsi a Gesù; eppure, la forza trascinante di Dio è troppo forte anche per il più devastato e “lontano”. La chiamata a fermarsi in casa, a portare la salvezza, sconvolgono la piccola vita di Zaccheo: senza la sua conversione sarebbe rimasto un anonimo funzionario vissuto duemila anni fa, ma la salvezza che Dio dispone gratuitamente sui buoni e sui malvagi scardina i cuori aridi e scansa le critiche, facendo fiorire a vita nuova.

«..scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento