News
stampa

Linea.. di pensiero. Liberi e liberati

Il male è sempre in agguato e si esplica in molti modi

Parole chiave: linea (132)
Una riflessione sul tempo che viviamo

Siamo liberi? Quanto? Per essere liberi occorre ogni giorno avere la capacità di saper vivere la vita in pienezza di bene. Per questo anche la più conosciuta preghiera come il Padre Nostro termina con "Liberaci dal male!" Si è liberi quando sappiamo "fare ed essere" bene. Il male è sempre in agguato e si esplica in molti modi. Primo fra tutti nel perdere tempo, nello sprecare le opportunità offerte. Nella maldicenza, nell'arrivismo, nella pigrizia, nell'egocentrismo che schiaccia l'altro, nell'onnipotenza, nella supponenza, nella superbia, nell'ira, nell'ingordigia.

Nei tanti vizi che conducono le persone a "perdere la propria vita" e a rendere un inferno quella degli altri. Ed allora impegniamoci per essere meno dipendenti dai vizi, liberi di poter esprimere il proprio io interiore secondo le potenzialità uniche e diverse di ognuno. Liberi di saper rispettare e accogliere l'altro diverso da noi. Liberi per poter essere costantemente liberati dalle nostre ansie, dalle nostre paure e viziose testardaggini che rifiutano il confronto, il dialogo, la relazione.

Liberi e liberati per costruire  la propria vita su virtù solide, da rinnovare sempre. Ecco allora la libertà fondata sulla giustizia, sulla pace, sulla mitezza, sulla purezza dei cuori, che guidano  ad una libertà di pensiero, ad una libertà di agire nella vita che genera il bene per sé (amarsi) e per gli altri (amare). "Quanto più si fa il bene, tanto più si diventa liberi".

Una riflessione sul tempo che viviamo
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento