News
stampa

L'anno europeo delle competenze

Solo lavoratori (ri)qualificati potranno partecipare attivamente alla "nuova" società che si sta delineando

Parole chiave: europa (13), lavoro (103)
L'Italia è debole su queste tematiche

Nei giorni scorsi è iniziato l'anno europeo delle competenze che, nell'idea di chi l'ha promosso, dovrebbe portare un nuovo slancio all'apprendimento permanente, dotando cosí, allo stesso tempo, le aziende, e le persone, di nuove, ed ulteriori, conoscenze utili per contribuire alla transizione verde e digitale in corso.Si immagina, infatti, di investire su una forza lavoro maggiormente dotata di quelle competenze chiave richieste dal tessuto imprenditoriale.In questo quadro l'anno europeo delle competenze 2023 dovrebbe aiutare le aziende, in particolare quelle più piccole e le medie, a far fronte al fabbisogno di competenze necessarie in Europa e nel mercato globale.L'Europa favorirà, quindi, il rafforzamento di una tendenza, parzialmente già in atto, tesa alla promozione di percorsi di riqualificazione e aggiornamento delle competenze affinché le persone coinvolte possano ottenere le competenze "giuste" per i posti di lavoro di qualità che si stanno creando. Si ritiene, infatti, che solo lavoratori (ri)qualificati potranno, con migliori opportunità di lavoro, partecipare attivamente alla "nuova" società che si sta, rapidamente, delineando. Un passaggio, questo, fondamentale affinché la ripresa economica, dovuta anche alle transizioni verde e digitale in corso, riesca ad essere socialmente equa e giusta per il maggior numero di persone comprese le piú deboli e a maggiore rischio di esclusione sociale.Un obiettivo, certamente ambizioso, coerente con quelli sociali piú complessivi dell'Unione Europea che, per il 2030, auspica il coinvolgimento di almeno il 60% degli adulti in attività di formazione e un'occupazione pari ad almeno il 78% della popolazione adulta. L'iniziativa contribuirà, inoltre, agli obiettivi digitali per il 2030 per i quali l'Europa immagina di dotare almeno l'80% degli adulti di competenze digitali di base e di creare posti di lavoro per 20 milioni di esperti informatici. Si pensi, a tal proposito, che in Europa 4 adulti su 10, e 1 persona attiva su 3, non dispongono delle competenze digitali e che solo 1 esperto informatico su 5, e 1 laureato in scienze, tecnologia, ingegneria e matematica (le cosiddette facoltà STEM) su 3, sono donne.L'Italia, in questo quadro, sembra essere, ahimè, storicamente, e cronicamente, debole su queste tematiche.L'auspicio, e la speranza, è che questa non sia l'ennesima (di molte) occasioni perse dal nostro paese. Le risorse del PNRR, con particolarmente riferimento a progetti come quello di GOL, possono rappresentare strumenti utili in questa sfida da vincere tutti insieme.

L'Italia è debole su queste tematiche
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento