News
stampa

Lavorare sulla qualità delle politiche messe in campo

La necessità di cosruire una rete di collaborazione

Parole chiave: lavoro (103)
Gol ed Pnrr: un'opportunuità

Il #jobsact renziano non è stato solamente la riscrittura, certamente osteggiata dai sindacati più “radicali”  ma anche da una parte del partito dell’ex premier, della disciplina dei licenziamenti e dell’articolo 18.
Uno dei diversi decreti attuativi, infatti, era dedicato alle centrali, già allora, politiche del lavoro di cui si dichiarava, come sempre accade a ogni nuovo governo, di voler mettere in campo una profonda ed, ovviamente, storica rivoluzione.

La riforma, è opportuno sottolinearlo, doveva essere letta insieme all’ambizioso progetto del premier fiorentino di riscrivere la Costituzione rivedendo anche l’assetto, ed il rapporto, tra potere centrale e amministrazioni regionali.
Nel nuovo riparto delle competenze, infatti, quella relativa alle politiche attive sarebbe ricaduta tra quelle del legislatore nazionale.

In questo quadro deve contestualizzarsi, quindi, l’istituzione di un’ Agenzia Nazionale per le politiche attive per il lavoro chiamata, fondamentalmente, al coordinamento dei servizi e delle misure di politica attiva del lavoro e alla definizione di  standard  di  servizio nazionali che i cittadini avrebbero potuto richiedere in egual modo da Lampedusa a Bolzano.

Un ruolo particolarmente complesso, ed ambizioso, se si pensa che, nello stesso decreto, anche per evidenti vincoli di natura costituzionale, viene, confermando sostanzialmente lo “status quo”, prevista l’attribuzione delle funzioni e dei  compiti  amministrativi  in materia di politiche attive del lavoro alle regioni chiamate a garantire  l'esistenza  e  funzionalita'  di  uffici territoriali aperti al pubblico, denominati centri per l'impiego.

Del fallimento del referendum costituzionale molto è stato detto. Peraltro lo stesso “jobs act” ha subito, negli anni, numerose modifiche dovute al cambiamento dei diversi esecutivi che si sono succeduti ma anche di sentenze dei tribunali.

In questo contesto più generale anche, come peraltro prevedibile, il governo di Giorgia Meloni interviene cancellando l’Anpal e rinominando (e riformando?) Anpal Servizi la società in house del ministero del Lavoro (già Italia Lavoro) impegnata, fondamentalmente, nella realizzazione delle politiche attive del lavoro a favore di persone in cerca di occupazione e nel rafforzamento dei servizi per l’impiego a favore delle fasce particolarmente svantaggiate anche attraverso la gestione delle risorse comunitarie.

Viene da chiedersi se la prevista ricentralizzazione delle competenze al Ministero del Lavoro serva, o basti, perchè, quasi per magia, il sistema delle politiche del lavoro nel nostro paese inizi, finalmente, a funzionare e a dare risposte concrete ai cittadini e alle imprese.

Probabilmente perchè questo accada serve, prima di tutto, lavorare sulla qualità delle politiche messe in campo, sulla loro sostenibilità nel medio-lungo periodo e sulla capacità di rispondere effettivamente ai bisogni, per loro stessa natura diversi e talvolta in conflitto, dei tanti microcosmi in cui si articola il nostro paese.

Il Gol ed il Pnrr possono rappresentare, certamente, un’opportunità a condizione che non diventino, come troppo spesso accaduto in passato, terreno di scontro tra amministrazioni regionali e centrali e si costruisca un proficuo clima collaborativo con le parti sociali e i vari stakeholder interessati senza il quale anche i migliori propositi rischiano di rimanere tali.

Gol ed Pnrr: un'opportunuità
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento