News
stampa

Emergenza affido condiviso: troppi «orfani» per i conflitti tra padre e madre

Il dramma dell’«alienazione parentale» merita più attenzione. L’ipotesi di una riforma senza pregiudizi. Migliaia di ragazzini con questa ferita affettiva aperta che porta conseguenze sulla crescita

Parole chiave: affido (7), bambini (24)
Dopo il «caso Bibbiano» il tema si ripropone in tutta la sua complessità e delicatezza

Dopo il «caso Bibbiano» il tema si ripropone in tutta la sua complessità e delicatezza Le vittime innocenti della complessa e multiforme emergenza minori non sono soltanto quelle ingiustamente sottratte alle famiglie da un sistema di protezione che funziona a singhiozzo. Il caso Bibbiano ha portato alla luce situazioni drammatiche, per fortuna limitatissime da punto di vista numerico, di cui però conosciamo 'quasi' tutto. Sappiamo quanti sono i bambini che vivono in comunità e strutture d’accoglienza. Sappiamo quanti sono quelli in affido familiare. E, anche se manca una banca dati nazionale capace di documentare in tempo reale i movimenti di questi piccoli – quelli per esempio che dopo un periodo di affido tornano alle proprie famiglie – le singole procure minorili, limitatamente al territorio di loro competenza, dispongono di dati sufficientemente certi. Poi non tutti gli uffici giudiziari operano con la stessa solerzia e con le stesse risorse per trasmettere i dati ai ministri competenti. E la conoscenza da 'quasi' certa, diventa ancora più aleatoria.

continua a leggere su https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/figli-contro-i-genitori-separati-laffido-condiviso-che-non-va

Fonte: Avvenire
Dopo il «caso Bibbiano» il tema si ripropone in tutta la sua complessità e delicatezza
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento