Diocesi
stampa

Lasciata a se stessa la terra diventa inospitale, non è lei ad avere bisogno di noi, ma noi di lei

La terra non ci appartiene

Le parole del vescovo Giusti nella Messa del secondo anniversario dell'alluvione

Parole chiave: anniversario (1), alluvione (4)
L'omelia del Vescovo nel secondo anniversario dell'alluvione

La Terra non è dell’uomo; noi apparteniamo alla terra, ma la terra non appartiene a noi e se non ce ne prendiamo cura diverrà una casa inospitale, al punto che non potremo più abitarla. Le parole del vescovo Giusti pronunciate nell’omelia della chiesa di Collinaia, il quartiere più colpito dall’alluvione di due anni fa, riassumono il senso di questo anniversario. Con il convegno sulla protezione civile, il concerto in cattedrale e la fiaccolata, è stata la Messa il momento più commovente di questi giorni.

20190910_185444

L’incuria verso la nostra terra non è solo un problema educativo è dovuto al fatto che non siamo più capaci di amare, non ci si ama più in famiglia, con gli amici; il cuore delle persone è divenuto avido e quanto fanno le autorità preposte per salvaguardare la natura? Poteva salvarsi questi nostri fratelli? Sicuramente sì! Non stiamo, infatti, piangendo i nostri cari che sono volati via per colpa di un'oscura fatalità. Stiamo pregando per loro perché queste cose non accadano più e perché le persone siano più responsabili e capiscano che ogni comportamento sbagliato, ricade sulla nostra pelle.

Ecco il video dell'omelia nella chiesa di Nostra Signora di Lourdes

L'omelia del Vescovo nel secondo anniversario dell'alluvione
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento