News
stampa

Il diritto alla vita non ha e non deve avere colore religioso né politico

Si dice che l’aborto tramite Ru486 sarebbe meno traumatico dell’aborto chirurgico. Non è affatto così. Oltre ai già noti rischi per la salute fisica e la vita stessa della donna, sul piano psichico l’aborto chimico si è rivelato pesantissimo

Parole chiave: RU 486 (1), aborto (23)
Le vere civiltà sono basate sull’amore

Caro direttore,

innanzitutto desidero ringraziare 'Avvenire' che, chiarendo i termini della questione, ha gettato luce sulle pessime scelte sulla Ru486 operate dal Ministero della Salute nella disattenzione generale. Soprattutto, come donna, vi sono grata perché dite quello che alle donne non dicono. Il cammino della Ru486 è stato nefasto sin dall’inizio ed è segnato, oltre che da aspetti ideologici, da dure logiche di lucro. Sulla pelle dei più deboli: il bambino e la donna. La Ru486 viene presentata come la migliore e più 'civile' risposta per superare il dramma dell’aborto chirurgico. Bisognerebbe confrontarsi più seriamente su cosa veramente siano civiltà e progresso: si invoca lo 'Stato laico', dimenticando che uno Stato davvero laico affonda le proprie radici nei diritti umani, primo tra tutti il diritto alla vita, che invece viene spesso negato o presentato come una sorta di 'fissazione' dei cattolici. Ma il diritto alla vita non ha e non deve avere colore religioso né politico. Il bambino concepito non è un 'fatto politico' o un’invenzione della Chiesa: è un figlio. Il più piccolo, il più debole, il più indifeso. Le vere civiltà sono basate sull’amore. Questa è la civiltà che milioni di persone, milioni di donne sperano per i propri figli, e nella quale anch’io mi riconosco.

La Ru486 non è un farmaco, la gravidanza non è una malattia e il figlio non è un virus. Dobbiamo dunque chiamarla col suo nome: una sostanza chimica che ha come scopo, dichiarato e diretto, la soppressione di un essere umano. La sua modalità di azione è perversa perché studia la logica della vita per trasformarla in logica di morte. Sappiamo che sin dal concepimento esiste un dialogo, di natura biochimica e ormonale, tra madre e figlio; è grazie a quel dialogo che, appena concepiti, pur avendo un Dna diverso, non siamo stati aggrediti e distrutti dal sistema immunitario materno; è ancora grazie a quel dialogo che al momento dell’annidamento in utero siamo stati guidati verso il sito più adatto e accogliente. La Ru486 si insinua in questo dialogo 'simulando' di essere il progesterone, con la differenza che è molto più veloce e affine ai recettori materni, cosicché, quando il progesterone del bambino li raggiunge trova già tali 'serrature' tutte occupate dalle finte 'chiavi' della Ru486. La conseguenza è il crollo del livello del progesterone, tale da provocare l’aborto.

Si dice che l’aborto tramite Ru486 sarebbe meno traumatico dell’aborto chirurgico. Non è affatto così. Infatti, a parte i già noti rischi per la salute fisica e la vita stessa della donna, sul piano psichico l’aborto chimico si è rivelato pesantissimo, e chi afferma il contrario non sa di cosa sta parlando o è ideologicamente accecato; in entrambi i casi inganna le donne. Nell’aborto chirurgico la donna (continua a leggere https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/vedere-la-vera-pillola-serve-un-altro-femminismo)

Fonte: Avvenire
Le vere civiltà sono basate sull’amore
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento