News
stampa

Pensare a Elena (e non solo)

 Siamo fragili e deboli, abbiamo bisogno di aiuto. Il dolore fisico non è l’unico nemico che ci attanaglia

Parole chiave: fine vita (35)
La scelta di morire e il senso della vita

Mi è rimasto negli occhi, nella mente e nel cuore quel video struggente, che ti lascia senza fiato. Elena è una donna ancora bella, giovanile, lucidissima. Se non fosse stata lei a rivelarcelo, avremmo fatto fatica a credere che sia affetta da un male incurabile. Elena ha scelto di farsi accompagnare dal suo Veneto fino in Svizzera per morire. E un uomo politico, Marco Cappato, si è assunto il compito. La morte di questa donna merita rispetto, attenzione, riflessione. La signora di Spinea è una persona forte, sicura di sé. Non piagnucola, non si lamenta, non recrimina, riesce a tenere a bada le emozioni. Elena ha deciso di porre fine alla sua vita prima che la malattia che l’ha colpita la trascini «all’inferno». Ha per sua figlia e suo marito parole di comprensione, di affetto, di riconoscenza. Il suo ultimo atto di amore nei loro confronti è stato quello di non farsi accompagnare a Basilea per evitare a entrambi problemi legali.

continua https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/pensare-a-elena

Fonte: Avvenire
La scelta di morire e il senso della vita
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento