News
stampa

Francesco: sogniamo una Chiesa serva di tutti. Grave peccato sfruttare i più deboli

Il Papa celebra nella Basilica di San Pietro la Messa a chiusura dell’Assemblea sinodale

Parole chiave: sinodo (30), papa francesco (152)
La Chiesa che sogniamo è “una Chiesa che accoglie, serve, ama e non esige mai la pagella di ‘buona condotta’”

Serva di tutti, serva degli ultimi. Una Chiesa che accoglie, che è “porta”, aperta a tutti, e che è “porto” di misericordia. Una Chiesa che non esige pagelle di “buona condotta”, in cui Dio è al primo posto e con Lui coloro che Egli predilige: i poveri, i deboli, le vittime delle “atrocità” della guerra, i migranti, la gente che il mondo sfrutta “dietro belle parole e suadenti promesse”

È un peccato grave sfruttare i più deboli, un peccato grave che corrode la fraternità e devasta la società

Chiesa più sinodale e missionaria

Francesco celebra a San Pietro la Messa per la chiusura della XVI Assemblea generale del Sinodo sulla sinodalità che ha visto riunirsi in Vaticano dal 4 ottobre cardinali, vescovi, laici e laiche, religiosi e religiose, esperti e fratelli e sorelle di altre confessioni cristiane. Tutti sono riuniti intorno al Papa nella Basilica vaticana gremita da circa 5 mila fedeli, per celebrare la chiusura di un cammino lungo quattro settimane. In questo tempo, dice Francesco nell’omelia, abbiamo potuto “scoprire la bellezza della fraternità”, “ci siamo ascoltati reciprocamente” e soprattutto, “nella ricca varietà delle nostre storie e delle nostre sensibilità, ci siamo messi in ascolto dello Spirito”.

continua https://www.vaticannews.va/it/papa/news/2023-10/papa-francesco-messa-chiusura-sinodo-basilica-san-pietro.html

Fonte: Radio Vaticana
La Chiesa che sogniamo è “una Chiesa che accoglie, serve, ama e non esige mai la pagella di ‘buona condotta’”
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento