News
stampa

Universo lavoro

Una riflessione sul sistema americano 

Parole chiave: lavoro (36)
In vista delle elezioni americane

Le elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 2020 si terranno il 3 novembre 2020 e saranno le cinquantanovesime elezioni presidenziali della storia degli Stati Uniti.

Il sistema prevede, come noto, un processo di indicazione del candidato basato su primarie che, storicamente, partono dal piccolo stato dello Iowa.

Così è accaduto, due giorni fa, anche nel 2020. Bisogna, tuttavia, notare come nel momento in cui viene scritto l’articolo, molte ore dopo la fine del voto, non è ancora noto, per problemi organizzativi che sembrano “quasi” italiani, il vincitore di  questa prima tappa nel campo democratico. I cronisti più maligni pensano che, alla fine, il vincitore sia stato, dopo il kaos, Donald Trump­.

Uno dei frontman e dei leader più interessanti rimane, indipendentemente dall’esito del lungo spoglio, Bernard Sanders, detto Bernie, nato a New York nel 1941, senatore per lo Stato del Vermont e già membro della Camera dei rappresentanti.

Il “vecchio” Bernie si qualifica, quasi una bestemmia negli Stati uniti, come un socialista democratico. Dagli anni cinquanta, ovvero dal periodo della persecuzione anticomunista e antisocialista del maccartismo, è, finora, l'unico membro del Congresso ad autodefinirsi espressamente “socialista” e non genericamente progressista o liberal.

Da buon socialista, appunto, il senatore del Vermont propone di garantire a tutti un lavoro stabile. C'è, infatti, secondo lui, abbastanza lavoro da fare per tutti negli states.

Per fare ciò immagina di creare ben 20 milioni di posti di lavoro con un New Deal “verde”, ricostruendo le infrastrutture fatiscenti e creando un sistema energetico sostenibile al 100%.

Si prevede poi di creare milioni di posti di lavoro nel settore sanitario per supportare gli anziani e le persone con disabilità nelle loro case e comunità, nonché investire su nuovi posti di lavoro nell'educazione della prima infanzia.

Secondo Bernie, insomma, nella nazione più ricca della storia del mondo, chiunque lavori dovrebbe avere il diritto a un lavoro dignitoso e che è ancora possibile un'economia a piena occupazione.

Un lavoro “sicuro”, si sostiene, riduce, ovviamente, il tasso di criminalità, migliora la salute mentale e crea un forte senso di comunità. Maggiori garanzie servono, in definitiva, per costruire insieme un'America molto più sana e più felice.

Basteranno queste proposte per diventare il 4 Novembre prossimo il primo presidente “socialista” degli stati Uniti o gli americani si affideranno, per quattro anni ancora, all’usato (sicuro?) di Donald Trump imprenditore di successo, self-made man e star televisiva prima che politico?

*Dottore di ricerca in Diritto delle relazioni di lavoro

In vista delle elezioni americane
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento