News
stampa

Il nuovo bambino immaginario. Perché si è rotto il patto educativo tra genitori e figli

Solo se gli adulti ritorneranno a fare gli adulti, il nuovo bambino immaginario potrà cedere il posto al bambino reale

Parole chiave: libro (29)
Il libro

Di fronte ai quotidiani e dolorosi casi di bambini e adolescenti sempre più in difficoltà con la vita, la questione di fondo non è quella relativa a un qualche blocco dell’educazione familiare: la questione di fondo è quella della totale eclissi dell’educazione familiare. Il punto, insomma, non è che i genitori educhino poco o male. Il punto è che non educano più. Il genitore contemporaneo pensa e agisce come se il figlio non necessitasse più del tempo dell’infanzia e dell’apporto decisivo dell’educazione familiare. Il saggio esplora tutte le costellazioni che si addensano attorno al fenomeno del “nuovo bambino immaginario”, approfondendo in particolare le pesanti ricadute future che per il bambino reale comporta la folle sospensione del tempo dell’infanzia e scovando le radici ultime della sua precoce e perversa adultizzazione nell’estremo desiderio delle generazioni adulte di una giovinezza senza fine. Alla fine dei conti, infatti, il bambino adulto è il perfetto contraltare e l’efficace sostegno psicologico di quell’adulto bambino generato dalla nostra società ipergiovanilistica. Va da sé poi che, solo se gli adulti ritorneranno a fare gli adulti, il nuovo bambino immaginario potrà cedere il posto al bambino reale. Solo così potrà ricostruirsi il patto educativo tra genitori e figli, senza il quale a nessuno è data la possibilità di essere all’altezza della vita.

Il nuovo bambino immaginario. Perché si è rotto il patto educativo tra genitori e figli
Autore: Armando Matteo
Editrice: Rubbettino
Pagine: 126
Prezzo: € 12

Il libro
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento