News
stampa

Così cresce il Sinodo digitale

Presentate le conclusioni della seconda tappa

Parole chiave: sinodo (33)
115 Paesi di 7 lingue

«C’è più di un modo di essere Chiesa». Parola di Timothy John Costelloe, arcivescovo di Perth e presidente della Conferenza episcopale australiana, che è intervenuto ieri alla conferenza stampa tenuta a Roma a conclusione della tappa continentale del Sinodo. «Stiamo sperimentando - ha sottolineato il presule - una profonda unità, che non è basata sull’uniformità ma ci invita ad abbandonare ogni ricerca di una rigida uniformità». «Ci sono - ha aggiunto - principi universali, ma i principi devono essere incarnati in contesti locali». E parlando della sua esperienza ha evidenziato che l’Oceania «è composta da una grande varietà di culture», ed «è anche un continente che contiene nazioni economicamente e politicamente stabili, ed altre nazioni molto meno stabili in entrambi gli aspetti». Secondo monsignor Costelloe quindi , fa parte del cammino sinodale il «riconoscerci come parte essenziale della realtà della Chiesa, facendoci voce delle nostre esperienze, speranze e drammi, delle nostre convinzioni sulla Chiesa, e nello stesso tempo esseri aperti alle convinzioni altrui, come compagni nel viaggio della vita e della fede e non come antagonisti o combattenti».

La presentazione della conclusa tappa continentale del Sinodo si è tenuta nella Sala Stampa vaticana. Suor Nathalie Becquart, sottosegretario della Segreteria generale del Sinodo, nel suo intervento ha spiegato che «con l’idea della circolarità tra tutti i livelli della Chiesa e la visione di un movimento dialogico che caratterizza la sinodalità, la prospettiva della tappa continentale del Sinodo è stata un approfondimento del processo di discernimento delle persone indicate a rappresentare le Chiese locali nel processo assembleare che ha proceduto ogni assemblea continentale». «La tappa continentale – ha precisato – ha voluto incoraggiare la creazione o il rafforzamento dei legami tra le Chiese vicine e, nello stesso tempo, promuovere le relazioni tra la Chiesa universale e le Chiese particolari». Rispondendo alle domande dei giornalisti la religiosa francese ha anche annunciato che «a fine maggio sarà pubblicato l’Instrumentum laboris», specificando che «visto che il Sinodo è un processo, non possiamo dire ora come sarà il documento».

Da parte sua monsignor Lucio Adrian Ruiz, segretario generale del Dicastero per la Comunicazione, ha riferito che grazie al lavoro in rete, il Sinodo “digitale” ha raggiunto «una popolazione ampia, di tutte le età, specialmente fra i 18 e 40 anni, e soprattutto una grande popolazione giovanile». Tra questi,(continua a leggere https://www.avvenire.it/chiesa/pagine/coinvolti-115-paesi-di-7-lingue-cosi-cresce-il-sin)

Fonte: Avvenire
115 Paesi di 7 lingue
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento