Vertenza Livorno e Autorità portuale: la situazione dopo l’ultimo incontro

Dall’incontro del 10 novembre scorso tra il Presidente dell’Autorità Portuale e Vertenza Livorno a proposito della Gara Bacini, è emersa la volontà dell’ingegner Corsini di chiudere entro l’anno la riparazione del Bacino Galleggiante e dare il via alla Gara vera (con l’invito ai partecipanti a formulare offerta per la gestione), ancora purtroppo contrastata da questioni legali e altri impedimenti che sembrano avere l’unico scopo di rallentare ulteriormente i tempi. A renderlo noto sono gli stessi rappresentanti del gruppo di Vertenza in un post sulla loro pagina facebook.

“Il 21 febbraio – continuano nel loro resoconto – avevamo incontrato il Procuratore Capo della Repubblica e capimmo l’inghippo non era nel sequestro del bacino (come ci veniva raccontato). Un mese dopo il Bacino galleggiante fu dissequestrato. VOLEVA DIRE che tutti i soggetti implicati nel danno avevano avuto tempo (oltre 6 mesi) per verificare le circostanze di fatto dell’incidente e le conseguenze.Tardive richieste di tempi supplementari sono ingiustificabili e dilatorie. La mancata redazione della perizia super partes del CTU del Tribunale potrà apparire incomprensibile e creare un vulnus nella trasparenza del percorso e un impedimento alla esecuzione di un atto pubblico (la Gara)”.

L’invito adesso è rivolto ai Sindacati – sottolineano da Vertenza Livorno – perché chiedano chiarimenti e intervengano “in modo tempestivo, chiaro, concreto e coraggioso (non un comunicato)” e sostengano l’impegno dell’Ing.Corsini.

14 novembre 2017