Ospedale: dopo un gelo invernale lungo quattro anni, esplode all’improvviso la primavera. Tra ipotesi di intesa e legittimi dubbi

ospedale

ospedaledi Nicola Sangiacomo
Dopo anni di polemiche, tanto aspre quanto sterili, la vicenda della costruzione del nuovo Ospedale di Livorno è improvvisamente sbocciata, curiosamente in coincidenza con l’esplodere di una primavera molto attesa …
Aspetterei a dire che per il nuovo Ospedale livornese sia davvero arrivata la primavera; comunque sia, come recita uno notissimo luogo comune, neppure per questa vicenda “esistono più mezze stagioni”.
Dopo le ultime elezioni amministrative del giugno 2014 che hanno eletto sindaco il pentastellato Filippo Nogarin, grazie anche alla sua ferma opposizione al nuovo Ospedale a Montenero, il progetto di costruzione si è immediatamente fermato e, in questi quattro anni, abbiamo assistito solo a polemiche tra l’amministrazione comunale e quella regionale, senza che i loro principali rappresentanti si siano mai realmente confrontati su come risolvere una questione tanto importante per i cittadini livornesi.
Dopo un lunghissimo gelo invernale, durato quasi quattro anni, improvvisamente, in queste settimane, pare sbocciata la primavera: Regione e Comune sembrano vicini a un’intesa per costruire il nuovo Ospedale in un’area adiacente a quella attuale. La nuova collocazione sembra convincere le parti, e, anche sulle forme di finanziamento dell’opera, sembra che si sia trovato un accordo (non più il project financing, tanto detestato dal Movimento 5Stelle, ma un finanziamento regionale diretto). Tutto risolto? Sinceramente mi auguro di sì, ma qualche legittimo dubbio rimane legato alla tempistica di questa improvvisa svolta politica.
Che questa primavera improvvisa sia legata all’avvicinarsi di importanti scadenze elettorali? Tra un anno, nel 2019, si vota per eleggere il Sindaco di Livorno, tra due, nel 2019, si tornerà alle urne per eleggere il presidente della Regione Toscana. É solo una curiosa coincidenza che due partiti così contrapposti tra loro comincino a dialogare a ridosso delle elezioni su una questione che, anche nelle migliore delle ipotesi, vedrà la sua soluzione definitiva tra diversi anni (si parla già di otto anni per la costruzione della nuova struttura ospedaliera).
In una stagione politica in cui le campagne elettorali sembrano più lunghe dei mandati di governo, non ci sarebbe da meravigliarsi che queste improvvise intese fossero posizionamenti pre–elettorali; non vorrei che la questione Ospedale, così determinante per l’esito delle ultime elezioni amministrative livornesi, fosse diventata, nelle strategie delle forze politiche, terreno privilegiato di sfida elettorale. Con buona pace dei cittadini livornesi, della loro salute e di tutti coloro che lavorano ogni giorno, con professionalità e competenza, nella sanità livornese.

Livorno 22 aprile 2018