Nuove reti, rinnovate professioni: i giornalisti cattolici a convegno a Quercianella

Si rinnova per la quinta volta consecutiva il confronto, soprattutto con i comunicatori più giovani, sui temi legati ai nuovi media e alle più moderne forme di comunicazione. Si discuterà in particolare di come un uso inconsapevole di internet e dei social network possa condurre ad una realtà distorta se non decisamente a falsi.

L’iniziativa, a partecipazione libera e gratuita, è riconosciuta dall’Ordine dei Giornalisti come evento formativo deontologico e dà diritto a 14 crediti fino ad esaurimento dei posti sulla piattaforma Sigef.  Ecco il programma nel dettaglio

venerdì 1° settembre (dalle 15 alle 20)
15:00, saluti e introduzione
Sara Bessi presidente Ucsi Toscana –  Nicola Marini presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei Giornalisti

15.30, di cosa parliamo
“Giornalismo e verità sostanziale dei fatti: la fatica di una ricerca continua”: nella politica, nella cronaca, nell’economia, nell’ambiente, nella religione, nel sociale.
Introduzione di Mauro Banchini, Antonello Riccelli, Lorella Pellis, Riccardo Clementi, Alessandro Andreini

16.15
“Giornalismo e regole deontologiche: lo stato delle cose, le misure in cantiere”
prof. Leonardo Bianchi (docente di Diritto Costituzionale all’Università di Firenze) intervistato da Luigi Cobisi

17.15
“Il falso, il vero, la rete: rischi e opportunità. Gli antidoti alle fake news”.
Intervista (in video) di Antonello Riccelli al prof. Adriano Fabris, docente di Etica della Comunicazione all’Università di Pisa
Ne discutono Daniele Reali (direttore del giornale online “il Giunco”) e i giornalisti di alcune testate on line, coordinati da Mauro Banchini.

18.30
Le storie vere: un genere giornalistico ‘a prova di fake’ da riscoprire e valorizzare
Maurizio Di Schino (inviato di Tv 2000)
Africa, Medio Oriente, Europa: uno dei più apprezzati inviati di Tv 2000 parla delle storie vere che racconta da ogni angolo del mondo, a contatto con tante realtà diverse.

19.30:
Laboratori e confronti (fino alle 20)

Sabato 2 settembre
(dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 15 alle 18)

9.30:
Massimo Lucchesi introduce e coordina:
Luca Collodi (Radio Vaticana)
“Esiste ancora la ‘radio ufficiale’? “
Il caso di Radio Vaticana “a prova di fake”. L’Informazione ecclesiale e religiosa in rete: le opportunità che si aprono, i rischi che si corrono. Analisi sui cambiamenti presenti e futuri nei “media” cattolici.

10.30:
Andrea Cuminatto introduce e coordina:
Alessandro Andreini (presbitero e giornalista)
“Le ‘fake news’ nel Vangelo… e l’opera giornalistica’ dei quattro evangelisti”

11.30:
Sara Bessi introduce e coordina:
Bruno Mastroianni (giornalista, docente Pontificia Università della Santa Croce e autore televisivo)
“L’evoluzione presente e futura del fenomeno delle “fake news”

12.30:
Riccardo Clementi introduce e coordina:
dibattito con i relatori del mattino

15:
Fabio Figara introduce e coordina:
Francesco Marinari (giornalista responsabile web de “La Nazione”)
“La difficile conversione dalla carta stampata al web. L’integrazione e i rischi”.

16.30 conclusioni:
L’Ordine alla prova decisiva: regole da rispettare, fonti da verificare.
Luigi Cobisi (Consigliere nazionale Ordine Giornalisti)
Leggi, codici, deontologia. Analisi sulle difficoltà della notizia “in tempo reale”, sulle modalità di verifica. Rinnovato valore per le questioni etiche. Il nuovo ruolo dell’Ordine