Mannequin challenge: la sfida dei ragazzi manichini parte da Montenero. Tutti i video

Mannequin challenge, cioè la sfida del manichino, nata negli U.S.A. pochi anni fa, è semplice: “bisogna essere almeno un po’ di persone e per alcuni secondi stare immobili, mentre qualcun altro si sacrifica per la causa e gira riprendendo tutti gli altri, immobili. Il tutto con in sottofondo la canzone “Black Beatles” di Rae Sremmurd, che nel frattempo ha ovviamente avuto molto successo: questa cosa della canzone ultimamente però si è un po’ persa. Diciamo che ora è consigliabile”, dai patiti del genere, ma non obbligatoria: il mannequin challenge si può fare anche senza, anzi, a volte con musiche più adeguate, rende senz’altro meglio.  Se andate su You Tube e digitate la parolina magica “mannequin challenge” uscirà una serie di video clip, molto carini, di vario genere, che immobilizzano una realtà e vi girano intorno: è diventata una “novità” molto diffusa sul web.

Non potevamo tirarci indietro da questa invitante innovazione e sfida. La proposta di un insegnante è stata così raccolta dalla Pastorale Scolastica che, con l’aiuto dell’Ufficio Scuola e del Centro Pastorale per l’Evangelizzazione, l’Iniziazione cristiana e la Formazione, ha proposto, attraverso gli insegnanti di religione, di lanciare un concorso per l’anno liturgico appena trascorso dedicato alla Madonna delle Grazie di Montenero in occasione del 70° anniversario della sua proclamazione a Patrona della Toscana, usando come spunto e motivo di realizzazione gli ex-voto presenti in Santuario.

A chiusura dell’Anno Mariano, alla presenza del nostro Vescovo, c’è stata la premiazione. Per la scuola dell’Infanzia è stata premiata una “formazione” del maestro Enrico Risaliti che, con la collaborazione delle colleghe di classe e dei genitori dell’aula gialla dell’I.C. Minerva Benedettini , ha realizzato un video clip sul salvataggio di un uomo caduto nelle acque dei Fossi e sul suo miracoloso salvataggio da parte di un provvidenziale intervento di alcuni giovani accorsi in suo aiuto. Bellissimo!

Non da meno sono stati gli altri vincitori: due classi della scuola secondaria di primo grado, la 2 C delle scuole Mazzini e la 2 O delle scuole Pazzini guidate dalla professoressa Lucia Tomasi e la classe 3C LAG (Liceo Artistico Grafico) dell’Istituto Vespucci-Colombo  guidati dalle prof.sse Sonia Pellegrini di religione e Michela Certaldo di grafica, con la collaborazione di diversi colleghi. Le classi che hanno partecipato sono state in tutto una ventina. Le quattro classi vincitrici sono state premiate con una telecamera ciascuna, in modo da invogliarne ancora la creatività e migliorarne la qualità.

Visto il successo dell’iniziativa e la bella riuscita, potrebbe essere l’inizio di una lunga serie, con soggetti di spunto diversi, ma che possano far riflettere chi vi partecipa e chi se ne allieterà della visione.

Pierluigi Giovannetti