Linea… di pensiero. Ero straniero

di Luca Lischi
“La pietà va morendo, è scomparsa la fede…è al colmo la feccia” (Salmo 11). “Ero straniero e non mi avete accolto”. Preoccupa il silenzio dei molti che non hanno più occhi per vedere, più orecchie per ascoltare, più parole e mani per acccogliere. Almeno qualcuno prenda esempio da Sant’Antonio: una bella persona capace di spendersi per i poveri donando loro pane e parola: entrambi connessi e indispensabili. A dare la parola senza il pane non si apprezza la parola. A offrire il pane senza la parola si rischia di non apprezzare pienamente il pane né di saperlo dividere con giustizia. Tornino presto i profeti  a rompere il silenzio dell’ indifferenza, a cancellare i confini che abitano i nostri cuori senza pietà: che i poveri abbiano giustizia, che giunga finalmente la pace, ovvero che noi stessi si operi per costruire questa pace!