Educare con passione. La Messa per l’inizio dell’anno scolastico e per l’apertura della Scuola di Formazione teologica

L’educare, se mai è stato facile, oggi assume caratteristiche più ardue; siamo di fronte a «una grande “emergenza educativa”, confermata dagli insuccessi a cui troppo spesso vanno incontro i nostri sforzi per formare persone solide, capaci di collaborare con gli altri e di dare un senso alla propria vita».

Risuonavano queste parole, alla Messa di inizio Anno Scolastico ed Accademico, nella Chiesa dei 7 Santi Fondatori, e una domanda: ma voi, insegnanti, siete attenti alla vostra formazione? Avvertite questa passione educativa? Poiché per essere credibili occorre che traspaia questo “innamoramento” per Cristo.

Alla domanda di una studentessa che chiedeva, dopo aver incontrato Cristo nel Battesimo, ricevuto da adolescente, come poter portare la nuova esperienza a scuola, la sua “guida spirituale” rispose: tu puoi portare questo modo di pensare e di sentire che chiamiamo “l’Avvenimento di Cristo presente qui e ora”, questo modo di pensare, di sentire e di usare il tempo, spazio e rapporti, nella scuola, se lo hai dentro tu, se lo persegui tu, se lo ami tu, se lo cerchi tu.

Questo vale per tutti. E l’esortazione del nostro Vescovo ad avere una vita attenta alla propria formazione, alla propria santità, alla propria passione educativa, arriva fino a chiederci la confessione frequente, il consiglio di una guida spirituale, che possa aiutarci in questo non facile compito che è l’educazione, sia essa tra i banchi di scuola o in famiglia.

Buon Anno Scolastico a tutti.

Pierluigi G.

Grazie a Antonluca Moschetti per le fotografie

10 ottobre 2018